Calumet di pace

La catena che porti al piede
è il tuo Regno finito nel nulla
Solo rovine nient’altro che rovine
mentre tu mi hai esiliato
per vergogna del tuo
non sapere
Io ho imparato nuove lingue
per il mondo sono andato
accarezzato tribù col cuore
visitato pianure
con cavalli liberi al galoppo
schiavi di nessuno
visto cascate alte come
grattacieli….
Io senza studio
laureato in strada
Io senza un soldo
ricco più di un milionario
senza sapere niente
so riconoscere uno sguardo
Io onesto chiacchierone
ho fumato calumet di pace
con menestrelli,indiani,
neri,gialli..
Io rivoluzionario d’amore
fino alla morte senza catene
con il mondo sotto i piedi
Non mi arrendo
non mi svendo
non rinnego nulla
il mondo mi ha lasciato vivo..

Il Costa 18 gennaio 2020

Nel silenzio tuo un mondo d’amore

Nel momento in cui tu sei nulla
Nel momento in cui tutto tacerà
Nel momento in cui hai dato molto,
non c’è bisogno che altri
lo riconoscono.
Il vento parlerà di te
al mare,alle stelle,al cielo
ai laghi,alle montagne
dirà che
sei un’anima buona
Un tesoro raro mai trovato
Sei un fazzoletto bianco
ricamato con mani d’oro..
Sei la voce migliore
del coro
Nel silenzio tuo
c’è un mondo d’amore

Il Costa 17 gennaio 2020

Per un mondo di pace

Ci sono foto che restano nella memoria ed altre no… soprattutto in questo periodo che le foto sono all’ordine del giorno,troviamo foto fatte in ogni momento della giornata,va benissimo così non si fa male a nessuno..seppur abituati a questo,succede poi che sfogli la galleria e trovi foto come questa..ed è un attimo, un battito del cuore, il cassettino della memoria si apre ed è subito un susseguirsi di piccoli attimi che formano una pagina fatta di battute,risate,abbracci,musica che tocchi senti con gli occhi…e poi..
poi c’è quella parte che fa si che una foto diventi un ricordo di vita che non si dimentica mai più,parlo di quel fluido invisibile,quell’energia positiva che trasforma tutto in colori vivaci,in attimi di magia che non ti fanno parlare ma ti trasportano in un posto magico.. ognuno di noi ha il suo posticino..cercate di alimentarlo….
per un mondo di pace

il Costa 15-gennaio-2020

La notte

La notte per i poeti
è la benvenuta
si ubriacano di
parole che non si sentono
ma fanno molto più rumore
che una partita a carte
tra amici..
Riescono a parlare
al cuore
trovare parole nuove
Poche strofe lette
sono musica all’anima
scaldano più di
un raggio di sole…
La notte per i poeti
è una bambina che gioca
con la sabbia
La notte per i poeti
è poesia
libertà
mai bugia
La notte per i poeti
è un giro in barca
tra le stelle…

Il Costa.. 13 gennaio 2020

.

Voglio sentirmi leggera

Stamattina la mia anima
è leggera come
un’ape sul fiore
Voglio
vivere felice
Ridere
sorridere
alla vita
Lasciarmi andare
per un’attimo
sopra questo letto
caldo
Farmi cullare
dalle emozioni
di braccia forti
senza costrizione
Voglio sognare
Perdermi nell’alba
Dentro una scelta
Sentirmi
solo leggera
giocare fino a sera
essere felice
Voglio vivere
sotto un salice
avere un mio momento
Essere curiosa
mai furiosa
Voglio guardare
le stelle e il mare
Sentire la pace

Il Costa…11 gennaio 2020

T’incontrai

T’incontrai tra le nuvole
trasportata dal vento del Sud
Fu amore a prima vista
un sussulto nel cuore
abbreviazioni d’amore..
Tutta la vita con te
immerso nel mio Karma
da sempre
Sei entrata dentro la mia
anima…
Hai strapazzato i miei
piani come fossero uova
Hai cambiato le regole
del mio corpo
con un cestino di fragole
Hai preso i mie colori
li hai lanciati nel cielo
come tesori
Adesso sento una
lacrima di profumo
che sa di mare e sale
i brividi sulla pelle
ed un bacio dato..

Il Costa..10 gennaio 2020

Allagami di te

Allagami di te…
delle tue labbra sul mio seno
mentre le tue dita
non chiedono permesso
si fanno posto dentro me
Questa sera sono tua
Allagami di te..
La tua lingua
sa dove colpire
per farmi tremare
Prendi in mano il gioco
fammi godere..
Okay bambina
adesso camminerò
per il tuo corpo
come se fossi
un vagabondo
che gira il mondo
Leccherò la tua albicocca
come un gelato
si scioglierà come neve
sotto il sole
Stringerò i tuoi capezzoli
fortemente tra le dita
Ti guarderò negli occhi
scivolando dentro te.
Sento un fiume che corre.
veloce a valle
Mentre tu mi sussurri:
voglio sentirti godere
Allagami di te
Sempre più forte
il mio corpo contro il tuo.
il mio seme caldo
è un Rock d’amore
Bambina vieni qui
vicino a me…
Voglio vivere ancora
un po’ così..
Ti va?
Certo amore…
Fammi posto
che adesso facciamo
un lento
Voglio vivere ancora
un po’ d’amore…

Il Costa 9 gennaio 2020

Nebbia bastarda

Nebbia bastarda
A Nord del Grande Fiume
capelli biondi
dell’ Impero di Sissi
A Sud del Grande Fiume
occhi castani del
Regno degli Aragonesi
Gnomi e fate
folletti e streghe
cavalieri e draghi
Piccoli e dispettosi
tutti ne parlano
nessuno li vede
Dicono che fanno
parte di un mondo immaginario
della fantasia popolare..
Nebbia bastarda
tra olmi pioppi
tigli e salici
dicono che
se chiudi gli occhi
si fanno vedere
ai puri di cuore
a quelli che amano
abbracciare gli alberi
Tra lanche e isole di sabbia
ti farà l’occhiolino
e poi passerai la vita
cercando di trovare un troll
un elfo o un nano
Non ti basterà più
una sola volta
Nebbia bastarda

il Costa 9 gennaio 2020

Quasi perso

Il coraggio di credere alle favole
quando si è grandi
Quando tutto il mondo
è un passo avanti
sul baratro della follia..
Quando tutto è stato
quasi perso
sommerso
disperso
e poi
è emerso diverso
introverso
perverso
Come quando
un’abitudine sbagliata
porta in sé un’illusione
di eternità..
Mentre quando hai il coraggio
di credere:
Nonno vieni a
raccontarci una favola?
Certo amore..

il Costa 8 gennaio 2020