La mia vita non la vendo

Pezzi di merda ..
di veleno son colmi i denti dei serpenti schiacciate tutto
con scarpe di ferro
prepotenza assoluta..
Il demonio siete voi
Non cercate di scacciarlo
andando a pregare in chiesa
La mia vita non la vendo..
La mia terra è piccola è bella.
Non produce veleni
Ma cipolle….
Sulla mia terra ..
I vampiri non entrano
ci ho fatto crescere l’aglio..
Vi aspetto al confine..
La mia terra non si vende..
Scarpe fatto col ferro
Sono vietate…
Passate dal fiume e sprofondate
Nel vostro dominio d’onnipotenza
di sindaci mancati, di onorevoli
messi a destra e sinistra
Per vincere sempre comunque vada..
Pezzi di merda
La mia vita non la vendo
La mia terra è piccola è bella
Non produce veleni
Sulla mia terra non si passa
Serpente prepotente..
Sono qui sul mio confine che aspetto
Ti mozzo la testa…
perché la coda che ti fu tolta
non ti insegnò la lezione
e crebbe biforcuta..
Tu la fede non c’è l’hai mai avuta
Le carte son scoperte
l’odore della merda
si sente a distanza..
Le mutande del benefattore
le hai perse quando hai chiesto
il rimborso dell’IVA
Il buon viso ed il cattivo gioco
Son caduti come domino…
Quando il prete ti comunico’
che la beneficenza
la si fa in silenzio
non si deve far sapere
nome è cognome su una targhetta
per poi sentirsi dire:
Quello si che è un brav’uomo..
Pezzi di merda…
La mia vita non la vendo
La mia terra è piccola è bella
Non produce veleni
Un chilo di cipolle…….. è
Più buono di un chilo di ferro..
Prepotenti schiacciate tutto
alla fine non vi resterà che una
casa arrugginita dalle vostre
malefatte..
Un freezer pieno di ghiaccio
in un deserto arido..
Ma per tutte le preghiere false
fatte ogni giorno…
Un posto certo ci sarà….
Ve lo siete guadagnato.
per esser riusciti a far diventare
gli uomini schiavi..
E sì che bastava poco..
Una pacca sulla spalla
Od un non capisci niente
cerca di star più attento…
Semplicemente un sorriso,
Un come stai a casa tutto bene?
Pezzi di merda
La vostra arroganza e onnipotenza
Nel dir io non sbaglio mai
Fa parte sempre dell’aver saputo
imparare che in Chiesa
Prima parla il prete e poi il chierichetto
Certamente vi siete dimenticati
Che c’è un Dio che parla ed ascolta
prima di noi?
Ma come potete sentirlo?
Se andate per farvi vedere
mettendo la mancia
nel cestino di paglia
a mano nascosta..
C’è solo vergogna..
La mia vita non la vendo
La mia terra è piccola è bella
Non produce veleni
Ne ingiustizie
tantomeno arroganza,prepotenza
Non ha nessun amo
nessuno lenza
nessuna preda..
nessun invidia…
nessun odio….
Non produce violenza.
ma cipolle ed agli
Per tenervi lontani
Un posto l’avete guadagnato..
Quando sarete giunti davanti
Al forcone con la coda lunga
la barbetta nera
Due bellissime corna..
Ed un sorriso splendido
La morte
Vi aprirà le porte.
vi darà la suite più bella
dell’inferno…
Con vista meravigliosa
sul Paradiso…
Sulla mia anima che non ho mai venduto
Su quella terra piccola è bella
senza veleni
Vi mando il mio saluto….
Cazzo se le cipolle son buone
Pezzi di Merda
Amen
UN DISADATTATO ORE 22:40..
27-giugno-2018……

Il Costa

VAFFANCULO

Occhi persi dentro un amore
Dentro un 12% di risparmi di una vita….
ormai niente ho….
Se non le rose del mio parco…
Un po’ di terra due pomodori
4 cipolle ed una pianta di rosmarino
per tener lontano le zanzare…
Ma la gente è ancora lì a parlar di morti
come fossero stelle di luce
canti di luna che fanno scomparir la paura
Tra indiani..e cowboy
Occhi di un cardinale
puntati addosso
Durante la messa della domenica
predica bene
razzolando male
il lunedì sera
Italia di leggi truffa che difendono
lo Stato della Casta
La tribù degli infami
I Laureati a Londra
senza esserci mai stati
Ladri che vengono colti
con le mani nel sacco
Più il sacco è pieno
prima escono da galera
Dio mi sta guardando .
dopo aver bestemmiato….
Ti chiedo perdono sai…..
Ma continuo a pagare il canone Rai
Per sapere il tempo che fa
a suon di milioni..
Da una principessa sul pisello
E da un volto di falce e martello
Cara la mia democrazia..
dov’è sei finita?
Tutte le lotte fatte per averti in
questo stivale …
che ormai mi va stretto
fa tanto male..
Se finisci in ospedale
hai un posto certo in corridoio
Stai zitto e mandi giù con l’ingoio
Se torni vivo a casa…
Piove ..
Il tombino s’intasa..
Le buche si aprono per strada
Le macchine volan giù dalla scarpata
Oppure inghiottite dalle voragini..
La colpa va sempre
alla configurazione della terra
Alla geologia….
Si sentono le sirene a distanza
Daranno la colpa alla polizia
..relatori, senatori,politicanti attaccati ai soldi come le piovre alla roccia..
siete dei dittatori..
manipolatori di Radio e TV
Prendono le distanze dalle macerie
per apparire poi in prima pagina
Col caschetto rosso in testa..
Vi auguro che un cornicione vi caschi dritto in testa in via Montenapoleone…
Un vaffanculo con piacere
Un Disadattato 21:36 del 27 giugno 2018

Il Costa

Tra i colori del mondo

Ehi tu
Amore inaspettato
Ehi tu
La notte entri nei mie sogni…
Mi giro e mi rigiro
tra lenzuola calde
Che profumano di
amore appena consumato
Certo che sei lì
Tra i colori del mondo
Li tra il cielo le stelle
ed il cuore..
Occhi grigioverdi…
In un giorno di pioggia..
Occhi azzurroverdi
In un giorno di sole
Un gratta e vinci..
Non serve ….
Tra le tue braccia ho trovato la pace
La pace fatta di risate fragorose
di passeggiate
mano nella mano..
E poi..
la gente che ci guarda
con occhi di leggi rispettate
Come fossero formule matematiche
Di regole di vita..
Che a loro fan paura…
Uscire fuori dal seminato
Far crescere alberi mai visti
Tra amici e poi ….
Noi…
Tutto sotto questo cielo
di polvere alzata dal vento
Di pioggia tramutata
in tempesta..
Mentre noi… camminiamo
E poi….
Si capirà..
Mano nella mano..
fino alla fine del mondo
Sei nel mio cuore
Nel mio cerchio
Nel mio profilo Facebook
nella mia pagina
tra le foto preferite
Con un cuore rosso e tre rose
Sei il mio piede destro
mentre scendo dal letto..
Sei la mia eternità
La strada che porta fin là
È già segnata
tra le linee del nostro palmo
C’è la linea del cammino..
Mano nella mano…
tra i piedi le mie Clark
E tu con le tue Espradillas
Tra i colori del mondo
Un Disadattato ore 12:52 giovedì 26-06-2018

Il Costa

Sei entrata

Sei entrata nel mio mondo…
Ho chiesto aiuto a Dio..
Ho chiesto un segno …
Un raggio di sole
quel mattino
ha illuminato il tuo viso
ho capito che eri te…
Sei entrata dentro me
con la calma notturna
del mare
in una sera di luna piena..
Con pazienza mi hai ascoltato
Mentre il tempo scorreva
Il pendolo segnava le ore..
Ho cominciato
a farti entrare nel mio cuore,
spalancando la porta,
Hai saputo darmi qualcosa
che nessuno mi ha dato mai
La fiducia…
Il credere che sono quel che sono..
Ogni volta
Ogni quando
Senza saper ballare
nessun Tango
In questo tempo
In questa vita
In questo qualcosa
In questo adesso
tu ci sei sempre stata
con la semplicità
che hai nel cuore
con l’amore
che hai verso la vita…
Verso me…
Non sapremo mai
Cosa il futuro ci riserverà ..
Poco importa cosa sia
Ho chiesto un segno a Dio
Ha mandato un raggio di sole
Colpendo il tuo viso ed il mio cuore
Nel silenzio della notte
comincia il rumore.
Al di là del tempo….

Un Disadattato ore 15:56 del 25-giugno-2018
Il Costa

Luna

Ho fermato la clessidra
Guardando la luna ho detto:
Questa è la lampada dei poveri
Alzo il bicchiere colmo di fiori
Brindo alla vita con passione
Sono l’amore porto
la maschera
nasconde le mie emozioni
La mia vita non è un mestiere
I miei concittadini
mi han tolto il saluto
Brindo alla vita
Ho fermato la clessidra

Ore 19:44….16

24-06-2018
Un Disadattato😝

Il Costa

Nelle case del poi

Senza tempo,
le barriere sono solo ricordi che corrono
senza fantasia,
in un cielo colorato
di oggetti inutili….
Nelle case del poi…
Dove esistono gli scivoli
della normalità…
Nelle case del poi..
Un Disadattato ore 01:35 del 24-giugno-2018

Il Costa

Adesso cerco di spiegarvi come funziona il mio cervello? Come riuscire a scrivere con poche parole un concetto difficile,lungo, dannatamente importante per me..
Mentre uno legge quello che ho scritto, ha una sua senzazioni,prova una sua emozioni e magari gli ricorda un qualcosa..non è detto che sia quello che ho provato io.. Facciamo un esperimento se vi va?… Adesso vi spiego quello che ho voluto dire io con la poesia..poi mi piacerebbe che scriveste il vostro pensiero nei commenti…..anche se penso che solo pochi leggeranno come sempre tutto… non importa a nessuno o a pochi..ed ecco il motivo di questa poesia
Nelle case del poi..
Sono le case del futuro,dove esistono tutte le esigenze per avere una vita facile..visto che viviamo in un tempo dove in cielo si è riuscito a portare persone, oggetti che si spostano da un continente all’altro in poche ore, oggetti di ogni tipo ed ogni forma, questo ha reso il
mondo veloce..nelle case del futuro e nelle strade del domani..vorrei ci fosse tutto perfetto per chi ha degli handicap…
La prima frase è l’ultima nella mia storia.. SENZA TEMPO… significa che non abbiamo vissuto un tempo giusto…. senza nulla ..vivere senza far nulla per migliorare questa tipologia di persone che fanno parte del nostro tempo, perché tanti portatori di handicap sono diventati così per incidenti ed altro, quindi sono di questo tempo..ed è un vivere senza tempo..non migliorare questa vita a gente che per colpa di quello che si è creato,macchine,moto,pistole,fucili,coltelli ecc..ecc….vuol dire vivere nell’egoismo, nell’accumulo del vile denaro….nella perfezione…nel migliorare rughe,farsi crescere i muscoli ecc..ecc..
E per quelli che non possono andare più in giro con le proprie gambe ed altro…non si fa nulla… SENZA TEMPO
Come vedi.. scrivere un concetto così complicato in poche parole non è per nulla facile, ma dannatamente bello….a voi se vi va….ciao ciao

Passi

Queste parole sono frutto della mia infanzia passata tra i giardini coi mie zii, nei mie primi ricordi di vita loro ne fanno parte e tutt’ora lo sono chi da lassù chi da quaggiù…
I miei zii che in realtà sono i miei pro zii, mi hanno insegnato tantissime cose, ma soprattutto il rispetto per la terra ed il mare essendo nato e vissuto fino ad 11 anni a Reggio Calabria, quando mio zio mi spiegava come mettere le piantine di pomodoro o melenzane, vedevo e sentivo le loro mani forti, mi dicevo,voglio essere come loro…a voi dedico queste parole..o Zi limitri a za Tota o Zi Pepe’ e a za Grazia…. Antonio Errigo falla vedere a mamma, Adriana Laganà, ciao cuginetta…ogni volta che penso al tuo papà..mi viene da sorridere..lo vedo arrivare con la mitica lambretta a Vespa con un bocca lo stuzzicadenti….che mito lo zio Pepe’..mi mancate vi penso spesso…E voi Francesco Borgese e Demetrio Borgese preparate le canne da pesca che arrivo.. Maddalena Cicciù ciao…tra un po’ vedo di venire ad abbracciarti e romperti le scatole…un bacio a tutti voi
🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻🌻
PASSI..
Penso ai passi..
Orme lasciate…
QQuante…
Per la strada..
Quante scarpe consumate…
Orme lasciate …
Tante…
La terra stessa gira..
Ci sarà il suo perché..
Dentro le mie Clark..
C’è il profumo della quiete..
Il passo di un uomo…
Orma dopo tanti passi
Passi tanti tanti..
Che hanno salutato
Salutato gente vera..
Gente vera come te..
Quella fatta di mani
con i calli
Di donne che parlano poco
Occhi bassi,tanto sudore…
Sudore di libertà
per quei passi…
Passi lunghi una vita
sul sentiero lasciano
un impronta….
Un identità…
Incontro alla terra che gira
Passi di libertà..
Un disadattato ore 22:00

del 23 giugno-2018

Il Costa

Libero di sognare

Il mare brontola..
Il cielo è scuro come
il volto di un pugile
messo giù per KO
Ed io….
Ed io seduto su uno scoglio
penso a noi..
La sabbia forma mulinelli…
tutto dura poco.
Tutto svanisce in un
battito di ali
Ed io …
Ed io guardo le mie orme
sparire tra le onde…
Penso a noi…
Al tempo trascorso..
Ai momenti tra le tue braccia
Ai sorrisi spensierati
Alle passeggiate con le mani
incrociate tra il canto dei grilli e
delle cicale..
Ed io..
Ed io penso a noi
Mi lascio cullare dal
Vento e dal mare…
Tra le labbra il sale tuo..
Ed io….
Ed io e tu …
E noi…

23/aprile/2016…
Ore 01:25….
Un DISADATTATO…

Il Costa

Compagna dei giorni miei

Il calice del mondo
è pieno
è colmo…
Non servono parole
nella distanza della notte
tra il mio cuore ed il tuo….
Non ti mento e ti rispetto come non lo sono stato mai….
La mia Libertà perduta
Cercata
Nel letame dei miei pasticci
Nel fondo del pozzo
Ho dovuto combattere
Tra la ribellione
Dei miei 20anni
E la consapevolezza
Delle stagioni che passano
Veloci
La lotta contro il leone
E il solitario uomo che c’è
In me…
Non so se sia tutto chiaro
Ma la strada è mia
Lunga o corta che sia
Non ho mai cercato di
Fare quello che tutti
Considerano una folle vita
Ma ho giocato bene le mie carte
Adesso sono un buon bluff
So fare buon viso
E cattivo gioco
Conosco la gente
ritrovata tra le tue mani..
Dalla mia volontà
Voluta
Ed il sorriso tuo illuminerà
le notti passate in solitudine aspettando te….
Dimmi solo che mi aspetterai…
mentre riprendo la mia vita..
giorno dopo giorno
Questo tempo non lo butterò più via…
voglio amarti,
amare il profumo delle viole…
mangiare ciliege e sorriderti
con ancora tra la bocca il mio bisogno di te…
Dimmi solo se mi aspetterai…
mentre il sole cresce dentro me
giorno dopo giorno…
lotterò per un cielo blu…
dove il tuo sorriso splenderà
per darmi forza….
amore mio
Un disadattato….ore 01:40

22 marzo 2018…..

Il Costa

Jarémaine

Sai cosa ti farei?
Ti prenderei per mano
Ti porterei sul sentiero
Che porta alle aquile
Ti direi di fidarti dell’Universo
Abbi fede… Jarémaine
Attrarrai
Tutto quello di cui hai bisogno
Ti direi di chiudere gli occhi
di avere fede
Mi ci sono voluti mille lune
Perché sono cresciuto
con l’idea di far qualcosa
Ma quando ho capito
che fare le coccole al mio cane
Mi dava gioia e felicità
Come quando sto tra la natura
Mi misi a cercarti
Adesso sei quassù..
tra le mie mani
Ad un passo dalle nuvole
sotto il nido delle aquile
Ti sussurro
Son felice adesso
Fidati di me
Mi trema il cuore

Disadattato 13-giugno-2018 ore 01:15

Il Costa