Sono solo un uomo

Ricordo una notte, noi due
persi dentro l’emozione
di parole nuove
All’improvviso vedemmo
il segreto del giorno
vedemmo il punto segreto
dove nasce il giorno
La tua mano cercò la mia
Tra i pioppi scese
un silenzio di tomba
Per la prima volta
noi due.. soli
vedemmo nascere il giorno
dalla sua casa segreta
Un piccolo germoglio di luce
apparve dietro la curva del cielo
s’incamminò verso di noi
noi due rapiti
da quell’attimo di luce
Sussulti così forti al cuore
sembrava fosse
un’asta di valore
con la voce migliore
del suo banditore
La notte diventò colore
all’orizzonte il sole
formava le prime ombre
Folletti fate e gnomi
tornavano a casa di fretta
mentre il giorno pian piano
colorava di azzurro il cielo
di verde i prati
ed i fiori di nuovi colori
Mi voltai verso te
la tua mano accarezzò il mio viso
diedi un bacio al tuo nasino
ti dissi, andiamo a casa?
Restiamo ancora un po’..

Il Costa…4-febbraio-2020

Pubblicato da Il Costa

Un Disadattato in viaggio ...tra nomadi zingari e gitani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: